Come definire il costo di una fideiussione

Hai bisogno di una garanzia per un tuo progetto: chiedere un prestito, partecipare a un bando di gara oppure diventare affittuario? Hai bisogno di una fideiussione per garantire al beneficiario del contratto quanto gli spetta.

Questa forma di garanzia è sempre più diffusa. Ma quali sono i costi e in base a quali parametri vengono stabiliti? Rivediamo prima cosa è la fideiussione.

Cos’è la fideiussione e come funziona

È un contratto di garanzia con lo scopo di assicurare quanto dovuto al beneficiario: la banca in caso di un prestito, un ente pubblico nel caso di un bando di gara, il locatore in caso di affitto.

Qualora dovessi risultare insolvente il beneficiario si rivolgerà a un terzo soggetto, il fideiussore o garante che pagherà al tuo posto, quindi sceglilo con cura. Se hai intenzione di chiedere un mutuo di solito il garante prescelto è uno dei genitori, se invece sei un’azienda che ha bisogno di aiuti statali il fideiussore potrebbe essere la stessa agenzia assicurativa che ti ha erogato il prestito. Vediamo nel dettaglio i tre soggetti coinvolti in una fideiussione:

  • Il contraente: persona fisica o giuridica che ha necessità di ottenere un prestito erogato dall’istituto di credito per acquistare un bene o usufruire di un servizio.
  • Il beneficiario: chi beneficia della fideiussione e eroga il prestito quindi può essere una banca, compagnia assicurativa o una finanziaria, un ente pubblico.
  •  Il fideiussore: è una persona fisica o giuridica che garantisce il pagamento del debito all’istituto di credito in caso di mancato pagamento da parte del contraente impegnando il proprio patrimonio o parte di esso.

Adesso esaminiamo come vengono definiti i costi e parametri di una fideiussione e cerchiamo di capire se i costi cambiano in base al tipo di fideiussione, alla documentazione richiesta e alle caratteristiche dei soggetti che prendono parte al contratto. Consideriamo le fideiussioni più diffuse: assicurativa e bancaria.

Come definire il costo della fideiussione assicurativa

Viene erogata dalla compagnia assicurativa. Questo tipo di garanzia viene rilasciata in pochi giorni e non obbliga il fideiussore a garantire con tutto il suo patrimonio ma richiede solo il versamento di un premio da pagare in soluzione unica o a rate.

Il premio è appunto il costo vero e proprio della fideiussione assicurativa che viene corrisposto all’agenzia assicurativa in sede di stipula di contratto.

Ma come viene definito il premio? Di solito il costo viene calcolato in percentuale sulla base del capitale garantito, sulla percentuale però intervengono diversi fattori di cui bisogna tenere conto:

  • Tipologia della fideiussione.
  • Oggetto della fideiussione: è un documento scritto tra le parti dove il beneficiario richiede al contraente il deposito di una fideiussione, ad esempio, contratto di locazione.
  • Tasso applicato: una percentuale variabile normalmente tra lo 0.2% e il 5% in relazione. all’oggetto della garanzia, alla durata, al massimale garantito, alla solidità del contraente.
  • Durata della fideiussione: periodo in cui la fideiussione ha effetto.
  • Massimale garantito: l’importo massimo assicurato che il beneficiario può incassare.
  • Documentazione del contraente: i documenti che possano attestare la tua solidità economica.

La compagnia assicurativa prima di definire il costo ovvero il premio di una fideiussione si riserverà di valutare il rischio che corre emettendo la garanzia, perciò è importante essere un buon pagatore con un passato creditizio limpido. La retribuzione del premio è l’unico versamento richiesto infatti la fideiussione assicurativa a differenza di quella bancaria non prevede il congelamento del patrimonio del contraente.

Come definire il costo di una fideiussione bancaria

La fideiussione bancaria è un contratto di garanzia rilasciato dalla banca, i tempi per l’ottenimento sono più lunghi, circa due mesi. Viene richiesta raramente perché molto costosa e al contraente viene richiesto di garantire con il suo capitale o parte di esso, congelando fondi dal 100% al 120% della cifra da garantire.

Inoltre il garante è vincolato alla fideiussione per tutta la durata del contratto. Vediamo come sono delineati i costi. In via generale alla banca viene pagata una commissione che corrisponde al costo della fideiussione pari all’1% dell’importo previsto dal contratto.

Ma non è una consuetudine, il costo cambia in base al tipo di contratto tra il richiedente e il terzo, quindi il tasso applicato non sarà mai fisso. Anche in questo caso ci sono delle variabili che aiutano a definire il costo di una fideiussione bancaria: L’importo della cifra Tipo di banca Tipo di garanzia Patrimonio del richiedente

Contattaci

* ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei miei dati