Chi è il credit manager e di cosa si occupa

Il credit manager è una figura nuova in Italia ma sempre più richiesta soprattutto in questo difficile periodo di crisi economica in cui i rischi finanziari interessano sia le banche che le aziende. Servono professionisti per fare analisi del credito e dare nuovo slancio alle performance aziendali.

Fonte Pixabay

In questo momento storico molto delicato, la figura del credit manager ha il compito di dialogare con tutti i centri di responsabilità possedendo un ampio bagaglio di competenze. Deve conoscere le materie giuridiche, economiche e bancarie.

Ma scopriamo nello specifico questa nuova professione. Tu ne hai mai sentito parlare? No? Allora sei nel posto giusto. L’attività principale del credit manager è quella di occuparsi del recupero crediti nel minor tempo possibile. L’obiettivo di questo professionista quindi è cercare di trovare un accordo con i debitori, possono essere persone fisiche o giuridiche.

Il duro lavoro del credit manager si concentra si sul recupero crediti ma anche sulla loro gestione, in particolar modo occupandosi delle relazioni di tutte quelle aziende che offrono servizi finanziari e commerciali. Vuoi sapere le altre attività in cui è impegnato un credit manager? Eccoti accontentato:

  • Risoluzione delle crisi di liquidità dell’azienda. 
  • Gestione del rapporto con la banca.
  • Gestione della cassa. 

Ti piacerebbe saperne di più sul lavoro di questa nuova figura? Non è per niente un lavoro statico ma dinamico. In altre parole, il credit manager è l’uomo giusto al posto giusto. E’ l’uomo al quale il capo può decidere di affidarsi quando l’azienda naviga in cattive acque.

 Il credit manager può lavorare per un’azienda riuscendo a ricoprire anche incarichi di rilievo all’interno della direzione amministrativa e finanziaria oppure può prestare i propri servizi in qualità di libero professionista svolgendo attività di consulenza. Ovviamente non si diventa consulenti in un battibaleno bisogna aver maturato lunga esperienza nell’ambito del recupero crediti.

Ora che hai capito di cosa si occupa un credit manager scommetto che ti stai chiedendo come fare per diventarlo, giusto? E’ bene mettere in chiaro che non esiste un corso di laurea specifico ma occorre essere comunque formati con un titolo universitario nell’ambito giuridico economico come ti ho già detto. E’ importante inoltre conoscere elementi di tecnica finanziaria e amministrativa.

Potrebbe rivelarsi utile poi possedere conoscenze relative al sistema bancario, al diritto privato, alle assicurazioni e alle normative giuridiche del commercio internazionale. Anche saper parlare un’altra lingua, insieme a tutti gli altri requisiti appena citati, è indispensabile per cominciare nel migliore dei modi la professione di credit manager.

 Questa nuova figura professionale è in continua evoluzione, deve essere sempre al passo con i tempi e con le previsioni di mercato. Per questo motivo un bravo credit manager non smette mai di frequentare corsi di formazione e aggiornamento professionale che lo aiutino a padroneggiare anche software piuttosto complessi come ERP e SAP.

E tu cosa ne pensi di questa professione? Credi sia utile? Se sei un credit manager raccontaci la tua esperienza. Lascia la tua risposta nei commenti.

Contattaci

* ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei miei dati