Come ottenere un visto turistico per un cittadino tunisino che viene in Italia su invito di un residente italiano

visto turistico su invito di un cittadino italiano per i tunisini

Il Visto Turistico è una documentazione che un cittadino – tunisino in questo caso – può ottenere per un periodo di massimo 90 giorni, previsto dalla legge italiana per la permanenza nello Stato italiano da parte di un cittadino straniero, in questo caso tunisino. Nel caso fosse un parente o un amico in visita dalla Tunisia esistono diversi modi per agevolare queste pratiche.

Riassumeremo in questa guida tutti i passaggi fondamentali per eseguire la richiesta correttamente e ti spiegheremo le prime cose da fare appena si arriva in Italia e come ottenere il Visto Turistico per cittadini marocchini.

Oltre ciò potrai scoprire che cosa sono le fideiussioni bancarie o assicurative e come ottenerle insieme alle polizze assicurative obbligatorie per poter avere il visto turistico.

Che cosa serve per poter ottenere un visto turistico per un cittadino tunisino?

Invitare amici o parenti in Italia non è impossibile. Bisogna tenere conto che vi è un periodo massimo di 90 giorni di permanenza e chi è già in possesso della cittadinanza italiana può agevolare queste pratiche.

Insieme vedremo i passaggi fondamentali per eseguire le pratiche correttamente e tutti i passaggi per ottenere il Visto. In questa Guida trovi tutte le informazioni indispensabili per muoverti con sicurezza e fare i passi giusti.

Iniziamo a capire come fare una corretta richiesta di Visto Turistico e a cosa fare quando il tuo ospite arriva in Italia. Prima di accogliere con gioia l’arrivo della persona cara, bisogna organizzare correttamente il tutto.

La procedura che analizzeremo insieme si chiama Domanda di Visto Turistico con lettera d’invito.

Questa procedura prevede un invito ufficiale da parte di una persona residente in Italia e grazie a questo invitò ufficiale, la legge italiana riconosce il cittadino straniero come tuo ospite. In questo modo, sarà la persona residente in Italia a eseguire tutte le pratiche per la documentazione necessaria alla richiesta del Visto Turistico.

Questa pratica va gestita in due Stati differenti. Il cittadino o residente italiano fa la richiesta in Italia, compilati tutti i moduli, invia le pratiche al parente o amico in Tunisia e questi dovranno essere depositati all’ambasciata italiana che ha sede in Tunisia. Sarà l’ambasciata stessa a rilasciare il Visto per raggiungere l’Italia e ricongiungersi con chi ha fatto la domanda.

Quali documenti servono per poter richiedere il visto turistico?

Quali sono i documenti necessari per poter richiedere e quindi ottenere il visto turistico? Vediamoli insieme!
Per colui o colei che compilerà la richiesta come contraente e quindi fornirà l’invito, bisognerà munirsi di:

  • Una fotocopia di due documenti in grado di attestare l’identità, che siano ad esempio carta d’identità e patente, patente e passaporto, passaporto e carta d’identità – si ricorda che saranno considerati validi solo i documenti che permettano di visionare il volto della persona, come per l’appunto la carta d’identità e il passaporto o la patente.
  • Fotocopia del passaporto o della patente. Se la persona richiedente fosse un cittadino straniero ma che risiede in Italia, sarà necessaria anche la fotocopia del permesso di soggiorno.
  • L’autocertificazione del proprio reddito – che sia del nucleo familiare o del singolo – e nel caso non fosse possibile e ci fosse la necessità, anche una terza persona che diventi garante

Invece, per quanto riguarda il cittadino tunisino, egli dovrà:

  • avere i documenti del cittadino italiano che lo invita compresi di codice fiscale
  • una fotocopia del proprio passaporto

Si ricorda che non saranno richiesti nessun tipo di depositi cauzionali e non sarà richiesta l’apertura del conto corrente, infine non è indispensabile lo svincolo dalla fideiussione alla fine del periodo di garanzia. Chi compila la lettera di invito per il cittadino tunisino dovrà indicare tutti i propri dati personali e quelli di chi intende ospitare e in aggiunta le date precise sia di arrivo che di partenza dall’Italia.  Infatti, saranno consentiti solo 90 giorni di tempo.

Converrà, dunque, fissare l’appuntamento nella ambasciata italiana presente in Tunisia per poter consegnare i documenti e attendere ancora alcuni giorni – per l’accettazione della documentazione – prima di far effettivamente partire il cittadino tunisino verso l’Italia.

Per ottenere la polizza sanitaria e la fideiussione – necessarie per invitare il cittadino tunisino in Italia, occorreranno:

  • La lettera di invito da parte del cittadino residente in Italia
  • Il codice fiscale del cittadino residente in Italia
  • Il permesso di soggiorno – nel caso in cui il cittadino residente in Italia non sia effettivamente italiano
  • Il modello unico o il cud – per la dichiarazione dei redditi
  • L’ultima busta paga
  • La copia del passaporto del cittadino tunisino che si vuole invitare in Italia

Una volta che verranno rilasciati tutti i documenti necessari e il tuo ospite sarà arrivato in Italia bisognerà visionare il timbro imposto dalla polizia sul passaporto e/o visto, poiché dovrà essere valido.

Questo timbro è importante, poiché il cittadino tunisino che arriva in Italia, sta arrivando da uno Stato non presente nello spazio Shengen. Lo spazio Shengen è uno spazio senza frontiere ottenuto dall’Europa, di seguito gli Stati che ne fanno parte

 

  • Austria
  • Belgio
  • Cechia
  • Danimarca
  • Estonia
  • Finlandia
  • Francia
  • Germania
  • Grecia
  • Islanda
  • Italia
  • Lettonia
  • Liechtenstein
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Malta
  • Norvegia
  • Paesi Bassi
  • Polonia
  • Portogallo
  • Slovacchia
  • Slovenia
  • Spagna
  • Svezia
  • Ungheria
  • Svizzera

Se il cittadino tunisino viene ospitato in casa, si avranno 48 ore di tempo per poter comunicarlo alla polizia – pratica necessaria per le leggi antiterrorismo – se invece la persona venisse ospitata in hotel non vi sarà bisogno di dichiararlo, poiché sarà l’hotel stesso a segnalarlo.

Fideiussione per visto turistico: che cos’è?

Con fideiussione si intende una garanzia che viene rilasciata da un fideiussore per un altro soggetto contrante, così da garantire un obbligazione – che consiste in un pagamento – da parte del soggetto che ne beneficia. In parole povere, ciò significa che il fideiussore diventa “garante” e pagherà con i proprio soldi un debito che dovesse contrarre il soggetto contraente.

Con Fideiussione bancaria – quella necessaria per un visto turistico – si intende un contratto di garanzia che rilascia a un contraente un istituto di credito.

La fideiussione bancaria è obbligatoria se si vuole ottenere il visto turistico. Perciò, nel caso in cui un cittadino tunisino – invitato da una persona che risiede in Italia – volesse ottenere il visto turistico presso il consolato italiano o l’ambasciata italiana presente in Tunisia, dovrà munirsi di fideiussione bancaria.

Questo perché la fideiussione bancaria servirà a dimostrare che il cittadino tunisino sarà in grado di provvedere al proprio sostentamento economico per tutta la durata del soggiorno, la quale non dovrà mai essere superiore ai novanta giorni.

La fideiussione bancaria può essere rilasciata in realtà dalla banca o da una assicurazione o da una società finanziaria che sia iscritta regolarmente all’albo delle banca d’Italia il TUB. Qualsiasi altro ente che vi proponga di ottenere una fideiussione non è legalmente validato a farlo e non dovreste richiederlo.

Come detto precedentemente occorreranno pochi documenti per poter ottenere la fideiussione:

  • Carta d’identità e codice fiscale del cittadino residente in Italia che invita il cittadino tunisino
  • Cud o modello Unico
  • fotocopia del passaporto del cittadino tunisino che entra in Italia
  • Infine, occorrerà stipulare anche la Polizza Assicurativa Sanitaria per poter rimborsare lo Stato di eventuali cure che siano mediche, farmacologiche o dovute ad infortuni o malattie contratte durante il soggiorno. Difatti questa polizza avrà la stessa durata del soggiorno – quindi non superiore ai 90 giorni.

E nel caso volessimo chiudere la fideiussione concluso il soggiorno?

Ciò dipenderà da che tipo di fideiussione si è stipulato da principio.

Le fideiussioni bancarie, ad esempio, si sciolgono alla scadenza – in caso venga stabilita – oppure nel caso in cui si consegni il contratto di garanzia originale, la copia del beneficiario e ottenendo un apposito documento che dichiari lo scioglimento dell’obbligo di fideiussione.

Conclusioni

Italia Fideiussioni è un’agenzia specializzata in assicurazioni soprattutto nell’ambito delle fideiussioni e delle cauzioni. Esperti nel trovare la soluzione migliore al tuo problema.

Con un’esperienza più che trentennale, siamo orgogliosi di poterci definire esperti nel settore fideiussioni e cauzioni.
Questo ci permette non solo di creare questo tipo di articoli informativi, ma di poter seguire il cliente in tutte le pratiche necessarie senza che questo debba avere ritardi o rifiuti.

Difatti, in un anno abbiamo potuto espletare con successo e con somma soddisfazione del cliente ben il 97% delle richieste ricevute. Siamo così certi dei nostri servizi che permettiamo al cliente di pagare solo nel caso in cui esso riesca a ricevere la fideiussione che ha richiesto.

Perciò, se siete qui perché necessitate di un visto per cittadini marocchini che siano invitati in Italia da un cittadino residente in Italia, contattateci e richiedete un preventivo gratuito.

Potrete ottenere facilmente sia la fideiussione bancaria o assicurativa, che la polizza assicurativa necessaria per poter accedere al visto turistico e riabbracciare così la vostra persona cara in poco tempo e senza intoppi!

Avrete, infatti, la certezza di essere seguiti con professionalità, gentilezza, cura del cliente e di ottenere ciò che avete richiesto!
Con Italia Fideiussioni saprete sempre quale agenzia assicurativa sta svolgendo la vostra pratica e non avrete mai “brutte sorprese”.

 

Per qualsiasi domanda o dubbio non esitare a contattarci

Chiamaci al numero +39 02.667.124.17.
Puoi scriverci subito anche tramite
 WhatsApp +39 339 71.50.157.
Manda un messaggio e ti risponderemo, in orario di ufficio, entro 5 minuti.

 

Contattaci

* ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei miei dati
Inviatemi la newsletter con novità e approfondimenti
Iscrizione alla Newsletter